Home > Blog > Summer School 2022

Summer School 2022

Si è aperta ieri, venerdì, l'edizione 2022 della Summer School di ANLA sul tema "Amare quello che sarà". Nella sala convegni della Foresteria dell'Esercito a Venezia si sono alternati Carla Collicelli, Cnr Ethics, ASviS relazioni istituzionali, Sapienza Combiomed, Luca Fabbri, responsabile Relazioni industriali Fincantieri e vice presidente Confindustria Venezia, Simone Morandini, vice preside dell'Istituto di studi ecumenici "San Bernardino" di Venezia. Nel tardo pomeriggio i partecipanti hanno potuto visitare la Scuola Grande di San Rocco. Pubblichiamo di seguito le sintesi dei tre interventi, iniziando da Carla Collicelli: sul prossimo numero di Esperienza potrete trovare un ampio resoconto delle giornate.

Dall'incertezza non si esce senza rigenerazione sociale (di Carla Collicelli)

L'incertezza raggiunge oggi, a seguito della guerra in Ucraina, il livello toccato nel 2001, all'indomani degli attacchi alle torri gemelle dell'11 settembre, e nel 2016, a seguito della cosiddetta Brexit del Regno Unito. E questo dopo il recupero che si era registrato negli ultimi mesi rispetto al picco altissimo raggiunto con la pandemia da Covid-19. E nonostante che, con il passaggio di secolo e di millennio ci fossimo convinti, erroneamente, che il mondo globalizzato, ed in particolare la società occidentale avanzata - e quella europea in primis - fossero ormai avviati senza intoppi né rischi di cambiamento di rotta, a crescere sempre più in ricchezza, salute, sicurezza e benessere individuale e collettivo.

Tra gli effetti collaterali delle tragedie mondiali degli ultimi 2 anni ricordiamo il peggioramento del benessere soggettivo dei giovani tra 14 e 19 anni, registrato dall'Istat nel 2021 (dal 56,9% al 52,3%), e quello del loro benessere mentale e della soddisfazione per le relazioni amicali; il continuo calo della natalità, la riduzione della propensione alla procreazione nelle donne giovani con più di 30 anni (secondo l'Istituto Toniolo) e la quota di giovani che si augura un futuro senza figli giunta al 51% (secondo la Fondazione Donat Cattin); ma anche l'inasprimento del dibattito rispetto alla fiducia nella scienza, alla accoglienza dei profughi, e il dilagare di quella che qualcuno ha definito la "geopolitica della paura", vale a dire il fenomeno di crollo della fiducia nelle istituzioni e nel futuro del mondo, a vantaggio di atteggiamenti di paura, ricerca del capro espiatorio e rifugio nel magico.

Ma più che di effetti collaterali dovremmo iniziare a parlare di base sociale dello sviluppo da ricostruire, in quanto il collante che tiene insieme i diversi elementi, e che di conseguenza è il solo a poter indicare la strada per un cambiamento di rotta, è dato proprio dalla situazione sociale. Quel sociale che nel bene e nel male è stato il motore principale della ricostruzione e dello sviluppo, e che nell'ultimo periodo ha subito i contraccolpi delle turbolenze economiche e politiche uscendone a pezzi, ed è da quei pezzi scomposti che occorre ripartire per ricercarvi i fermenti di vitalità.

I fermenti esistono, e sono ben visibili in micro- e macro-fenomeni che occorre indirizzare nella giusta direzione: la ricerca di una nuova dignità e soddisfazione nel lavoro; il desiderio di riattivazione delle relazioni umane e comunitarie significative, anche e soprattutto di tipo intergenerazionale; le forme spontanee ed associative di concertazione dal basso, di partecipazione civica, di attivismo sociale, di sussidiarietà; gli spazi di consapevolezza dei limiti dello sviluppo umano rispetto alla natura ed al pianeta; le forme di economia civile; i fermenti di responsabilità sociale rispetto alla tutela dei più fragili; i segmenti di ripresa della fiducia in una scienza volta al bene dell'umanità e dell'ecosistema; gli sforzi volti alla umanizzazione della tecnologia.Perché i segnali indicati possano trovare spazio, occorre lavorare per un rafforzamento di quelli che il Censis ha chiamato "i luoghi che ospitano il pensare".

Carla Collicelli ed Edoardo Patriarca

Non sei ancora
iscritto ad ANLA?

Scopri come entrare a far parte dell'Associazione.




convenzioni anla

Convenzioni

Scopri tutte le offerte e convenzioni riservate esclusivamente agli associati ANLA

scopri di più

rivista esperienza


Esperienza

La rivista mensile di attualità, cultura e informazione della nostra Associazione. Per i soci anche online.

scopri di più

Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere tutte le notizie e gli aggiornamenti dell'Associazione.